Featured Posts

MRZ-22–all-the-stories-we-never-told-02b
View Post
Special*Rendez-vous:La stagione dell’Oratorio San Filippo Neri.Bologna
View Post
To top
8 Nov

“Il sale della Terra” di Wim Wenders

Dopo Yohji Yamamoto, i Buena Vista Social Club e Pina Bausch, moda, musica e danza, il grande Wim Wenders torna a raccontare un altro grandissimo artista e interprete del nostro mondo contemporaneo, il fotografo brasiliano Sebastião Salgado e un’altra arte affascinante come la fotografia.

Vi abbiamo già parlato qui della sua ultima meravigliosa mostra Genesi” , che ci mostra una natura grandiosa per ritornare al  nostro pianeta “come era”e che si è tenuta quest’anno con grande successo di pubblico a Venezia e in seguito a Milano.

il sale della terra

Il film documentario è stato presentato in anteprima al Festival di Cannes 2014, vincendo il Premio Speciale della sezione Un certain regard: da quando scelse di diventare fotografo, dopo un inizio di carriera come economista, Salgado attraversa i continenti sulle tracce di un’umanità in pieno cambiamento. Ha testimoniato alcuni tra i fatti più sconvolgenti della nostra storia contemporanea e infine si è lanciato alla scoperta di territori inesplorati e grandiosi, per incontrare la fauna e la flora selvagge in un grande progetto fotografico, omaggio alla bellezza del pianeta che abitiamo. La sua vita e il suo lavoro ci vengono rivelati dallo sguardo del figlio Juliano Ribeiro Salgado, che l’ha accompagnato nei suoi ultimi viaggi, e da quello di Wenders, regista ma anche fotografo egli stesso.
 
Il titolo prende spunto da una frase del Vangelo, detta da Gesù ai discepoli, “voi siete il sale della terra e la luce del  mondo”: così Salgado è riuscito a raccontare come nessun altro gliesseri umani, che danno sapore al mondo ma che possono essere anche di una crudeltà efferata e sconvolgente. In quarant’anni di carriera ha girato e conosciuto profondamente il mondo e lo ha mostrato con i suoi reportages, attraversando la storia e i grandi conflitti internazionali, le migrazioni di massa, le stragi, la fame, la povertà assoluta.
Other Americas, Sahel,  Workers, Exodus: questi sono solo alcuni dei suoi progetti- ideati sempre con l’appoggio incondizionato e la partecipazione di sua moglie Lelia – che hanno scritto il nostro tempo con intensità e potenza.

Il sale della Terra- Clip #5 Galapagos by Officine UBU

Perché, come Wenders ci ricorda all’inizio del film, dobbiamo ripartire dal senso delle parole per riflettere sul fatto che fotografare è un verbo che deriva dal greco e vuol dire scrivere con la luce.

Salgado ha scritto la nostra storia con le sue immagini indimenticabili e fortissime e continua a raccontarci quello che siamo, fino alla potentissima Genesi, nata in seguito al progetto ambientale Instituto Terra, per riconvertire una larga area di terra in Brasile alla foresta equatoriale, a rischio sparizione.

“Da subito ci è sembrato essenziale tenere in considerazione il fatto che i Salgado hanno un’altra vita accanto alla fotografia: il loro impegno a favore dell’ecologia. Sapevo che era necessario raccontare due storie parallele. Si può dire che l’opera di rimboschimento che hanno messo in atto in Brasile e i risultati quasi miracolosi che hanno ottenuto, siano una specie di “happy end” per Sebastião, dopo tutta la disperazione di cui è stato testimone e la depressione in cui è precipitato al ritorno dall’ultimo viaggio in Rwanda. Salgado non ha soltanto consacrato Genesi, la sua ultima monumentale opera, alla natura, ma è proprio la natura ad avergli permesso non perdere la sua fede nell’uomo”

Il trailer ufficiale

Un film da vedere assolutamente.

fashionbeginners
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.