Paesaggi, astronavi e altre meraviglie

Alla scoperta di Berlino, come città incantata e quasi sospesa, con Betty Zanelli.  Bologna. 

foto 1-Abgeflogen ÔÇô stampa b_w su Canon Satin Photo Luster, 104x151, 2015 - Ed. 1_5 @bettyzanelli

“Paesaggi, astronavi e altre meraviglie/Berlino”: un titolo che riassume e disegna i luoghi del progetto di studio, attualmente in mostra all’Istituto di Cultura Germanica, al quale Betty Zanelli, artista visiva e docente presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna,  lavora ormai da quattro anni come ad un work in progress

FOTO 2

FOTO 3

Un lungo cammino di ricerca attuato a Berlino: dopo aver lavorato, partecipato a numerosi progetti  e aver esposto in importanti mostre personali e collettive in Europa e negli Stati Uniti, dal 2000 Betty ha iniziato a privilegiare  la fotografia e la stampa digitale, mezzo con cui ha indagato a fondo l’iconografia popolare e la cultura pop, soffermandosi in particolare su alcuni aspetti dissonanti della metropoli, luoghi abbandonati e in disuso o un tempo dedicati al divertimento, come nel caso dello Spreepark di Berlino, ex  Kulturpark della DDR, che ha documentato in ogni angolo grazie alle sue art residency nella città tanto significativa per la sua tematica artistica. 

4-Betty-Zanelli--Spaceship--2015--150x100_670

Un diario di foto raccolte nello Spreepark, percorso e guardato in ogni suo dettaglio, dove le grandi e piccole giostre abbandonate assumono un aspetto inquietante e fantastico allo stesso tempo, dove la grande ruota panoramica ancora gira, mossa dal vento, emettendo il suono stridente di una nota musicale. Ecco perché l’azione sonora che accompagna la mostra e il video diventa una presenza essenziale e necessaria nel  viaggio evocativo ed emozionale di queste opere. I paesaggi non appaiono né tristi né malinconici, ma fermi in una sorta di bolla atemporale, come sospesi. 

5- Betty Zanelli -Futuro 13 mit Triceratops (Raumschiff Orion #1) ÔÇô stampa b_w 104x151, 2016 @bettyzanelli

FOTO 6

La memoria ritorna con gli stessi occhi grandi sgranati di un bambino che cerca e scopre qualcosa di nuovo, magico e avvincente. Come nello sguardo che ci mostra le “astronavi”, grandi architetture dismesse fotografate nei loro dettagli più “astrali”, oppure nell’intenzione di raccontare la nostalgia – non solo di un luogo esterno ma anche di un luogo dell’anima– grazie ad immagini quasi lunari, agli animali, alle luci e ad una speciale poetica che suggerisce <<una particolare dedica all’infanzia, quest’istante della vita in cui tutto è un’esperienza nuova, e tutto è grande e vero, ma anche dove il tempo e le aspettative sono spesso negate>>  (Alice Rubbini, giornalista e curatore indipendente) 

.

Landschaften, Raumschiffe und andere Wunder / Berlin | Paesaggi, astronavi e altre meraviglie / Berlino 
Una mostra di BETTY ZANELLI
A cura di Alice Rubbini
Goethe Zentrum
Istituto di cultura germanica
Via De’ Marchi 4
Bologna
In occasione di ART CITY 2016
Fino al 17 febbraio 2016, lun – ven, 10-13/15-18

_________________________________________________________________________