5 cocktail ispirati al grande cinema da rifare in casa!

In tempi di quarantena, ecco cinque cocktail da rifare a casa con ingredienti che magari abbiamo già o acquistabili con home delivery!

.

Infatti  la creatività nel mondo dei cocktail travalica qualsiasi confine: Carlo Dutto, in collaborazione con la Guida ai Migliori Cocktail Bar d’Italia, app gratuita scaricabile al link www.blueblazer.it/app ha chiesto ad alcuni dei migliori bartender italiani di individuare un proprio film del cuore cui ispirarsi.

Ne sono scaturite decine e decine di drink, ispirati a filmografie delle più disparate, dai classici Via col Vento ai neo-classici firmati Quentin Tarantino. Con tanti registi anche italiani al centro dell’ispirazione, da Giuseppe Tornatore a Gabriele Mainetti, passando per David Lynch e il suo Mulholland Drive, dai film romantici a Mad Max, passando per i cinecomics e i recenti Avengers: Endgame e Hammamet.

Film che hanno ispirato l’uso di tutti gli ingredienti presenti nel mercato, ricette coniugate con cognac, tequila, whisky scozzese, irlandese, bourbon americani del Kentucky, vermouth piemontese, gin inglesi, romani e toscani, amari e bitter, ma anche vodka, ginger beer, Limoncello Pallini e Liquore Strega, per una nuova ‘geografia cinematografica del bere di qualità’.

Preparazioni semplici e meno semplici, da gustare nei loro ingredienti di qualità, ricette create ad hoc da bartender cinefili, per sperimentare sé stessi dietro il bancone con un occhio al Grande Cinema.

Ecco qualche esempio per sperimentare 😉

.

.

1.

Drink COFFEE AND CIGARETTES ispirato al film “Coffee and Cigarettes” di Jim Jarmush (2003)

.

cocktail ispirati al grande cinema da rifare in casa

BARMAN: Mario Farulla, bar manager del Ristorante Baccano di Roma, entrato in 70° posizione nella classifica del The World’s 50 Best Bars 2019.
INGREDIENTI: 45 ml Dewar’s 12yo Scotch Whisky, una tazza di caffè lungo e freddo, un cucchiaino di zucchero liquido e Fill di tonica.
BICCHIERE: tumbler alto.

PREPARAZIONE: versare tutti gli ingredienti in un bicchiere tumbler alto colmo di ghiaccio e mescolare con un barspoon.

ISPIRAZIONE: drink robusto, deciso come e grazie al caffè – e dai toni fumosi del whisky scozzese Dewar’s, invecchiato 12 anni – ispirato al film indie Coffee and Cigarettes, scritto e diretto da Jim Jarmusch nel 2003.

Un cocktail che rimanda al Coffee Tonic, drink in voga negli ultimi anni e che qui, nell’interpretazione del bar manager Mario Farulla, richiama il film composto da 11 cortometraggi girati in periodi diversi, che presentano in comune il momento tipico del caffè e della sigaretta.

Progetto cinematografico che si è stratificato negli anni, un cortometraggio alla volta, il primo dei quali realizzato nel 1986 per il programma televisivo Saturday Night Live e basato su poche inquadrature fisse, uso del bianco e nero e dialoghi comici sul tema del caffè. Nel 2003 Jarmush concluse il suo progetto girando gli episodi mancanti che formarono il film.

Il drink di Farulla è in particolare dedicato al primo episodio, “Strano conoscersi”, dove due uomini, un italiano (Roberto Benigni) e uno statunitense che apparentemente non si conoscono, siedono insieme in un bar, bevendo una enorme quantità di caffè e parlando di nulla in un dialogo surreale, scambiandosi il posto a sedere, impressioni e opinioni sul caffè e le sigarette e infine, addirittura, i rispettivi appuntamenti.

.

2.

Drink GHINO ispirato al film “Hammamet” di Gianni Amelio (2020)

.

BARMAN: Antonio Tittoni, bar manager e proprietario del Depero Club di Rieti.
INGREDIENTI: 45 ml Vermouth Del Professore Classico infuso ai lamponi, 45 ml VII Hills Italian Dry Gin, 7,5 riduzione di bitter rosso all’arancia, 4 drops bitter ai chiodi di garofano, rum di cioccolato bianco ai petali di fiori, oro edibile in polvere.
BICCHIERE: Old Fashioned. Garnish: polvere d’oro edibile e un lampone.
PREPARAZIONE: raffreddare il bicchiere con ghiaccio, versare tutti gli ingredienti all’interno di un mixing glass e stirrare con ghiaccio, quindi versare su un cubo di ghiaccio in bicchiere Old Fashioned precedentemente bordato con cioccolata bianca sciolta a bagnomaria con una piccola quantità di latte e aromatizzata con liquore alle rose. Guarnire con polvere d’oro edibile e un lampone adagiato sul cubo.

Antonio Tittoni

ISPIRAZIONE: drink ispirato alla nuova avventura cinematografica di Pierfrancesco Favino, “Hammamet”,  dove veste i panni di Bettino Craxi, nei suoi ultimi sei mesi di vita e che fu soprannominato da Eugenio Scalfari “Ghino di Tacco”, brigante ‘gentiluomo’ toscano del tredicesimo secolo che aveva l’abitudine di lasciare alle sue vittime sempre qualcosa di cui vivere.

Questo drink vuole essere un omaggio a uno dei personaggi più discussi e controversi della recente Storia della Politica italiana.

Il cocktail, composto da una riduzione di bitter rosso con scorze d’arancia, fino a raggiungere metà del suo volume, che legano Craxi alla sua città natale e al teatro – la corte di Milano –  dei suoi ultimi atti. Il VII Hills, gin romano che riporta Craxi al periodo in cui fu Primo Ministro e all’apice della sua carriera, mentre il Vermouth Del Professore classico infuso al lampone liofilizzato, realizzato utilizzando sifone per panna e due cariche di N2O, con 4 gocce di bitter ai chiodi di garofano e bordatura del bicchiere al cioccolato bianco e liquore alla rosa. Il tutto servito su ice cube, polvere di oro edibile, a simboleggiare uno dei momenti più bui della sua vita: il celebre episodio del lancio delle monetine all’uscita dell’Hotel Raphael di Roma.

.

.

3.

Drink SUPERTRAMP ispirato al film “Into the Wild” di Sean Penn (2007)

.

5 cocktail ispirati al grande cinema da rifare in casa

BARMAN: Joy Napolitano, bar manager del The Barber Shop Speakeasy di Roma
INGREDIENTI: 6 cl VII Hills Italian Dry Gin, 2,5 cl fermentato naturale di salvia e lime* Top di Acqua Perrier.
*Fare fermentare per 5 giorni dei lime privi del succo e foglie di salvia non fresche dentro un barattolo di vetro con un litro d’acqua e 200 grammi di zucchero.
BICCHIERE: Collins. Garnish: una foglia di salvia.
PREPARAZIONE: preparare il drink direttamente nel bicchiere, versando prima il fermentato di salvia e lime a cui si aggiunge il VII Hills Italian Dry Gin, quindi riempire il bicchiere di ghiaccio e finire il drink versando acqua Perrier fino all’orlo e utilizzando una foglia di salvia come guarnizione.

Joy Napolitano

ISPIRAZIONE: Supertramp, l’alter-ego di Chris, l’uomo che è scappato dalla vita quotidiana per cercare il suo IO fuori dal contesto sociale riconosciuto. Libertà, in qualsiasi parte si trovi, purché si rimanga a contatto con la propria anima: questo è lo spirito essenziale del cocktail omonimo Supertramp, ispirato al film “Into the Wild”. La libertà è scegliere un gin diverso visto come allontanamento dalle masse copiosamente unite nella mediocrità, l’italiano VII Hills Italian Dry Gin, che utilizza botaniche romane e la scelta del riuso di scarti alimentari per mostrare rispetto al mondo che ci circonda, grazie alla salvia non più fresca e ai lime già spremuti. Il tutto miscelato da Joy Napolitano che chiude il long drink con Acqua Perrier #0waste.

.

.

4.

Drink THE IRISHMAN ispirato al film “The Irishman” di Martin Scorsese (2019)

.

cocktail ispirati al grande cinema da rifare in casa

BARMAN: Stefano Santucci, head barman dell’Hotel Hassler di Roma.
INGREDIENTI: 2 cl Maker’s Mark bourbon, 2 cl Connemara Peated Single Malt whiskey, 2 cl Amaretto di Saronno.
BICCHIERE: Old Fashioned. Garnish: scorza di limone, cannella e amarena.

PREPARAZIONE: riempire di ghiaccio un mixing glass fino a tre quarti della sua capacità per raffreddarne le pareti, successivamente scolare l’acqua in eccesso. Versare i tre gli ingredienti, miscelarli con un bar spoon e quindi versare il contenuto con uno strainer per trattenere il ghiaccio nel bicchiere Old Fashioned con ghiaccio. Infine decorare con una lunga striscia di buccia di limone, una amarena e rametti di cannella.

ISPIRAZIONE: l‘ispirazione del cocktail arriva dall’ultimo lavoro di Martin Scorsese, prima approdato al cinema e quindi sulla piattaforma di Netflix.

Tutti gli ingredienti sono scelti in base alla nazionalità dei personaggi: Robert De Niro, che nel film impersona Frank Sheeran, detto L’Irlandese è raccontato dall’unico whiskey irlandese torbato, il Connemara; Joe Pesci, che impersona Russell Bufalino, capo di una famiglia mafiosa italiana, è l’Amaretto di Saronno mentre Al Pacino, Jimmy Hoffa, è l’americano che ha legami con la mafia ed è ‘per forza’ il bourbon Maker’s Mark. Nel film sono diverse sono le scene dove si beve whisky e di conseguenza sono stati scelti ingredienti forti, decisi e carismatici, proprio come i tre protagonisti.

IRISHMAN_UNIT_FIRSTLOOK
Photo credit: The Irishman di Martin Scorsese. Courtesy Studio Lucherini Pignatelli Press

.

.

5.

Drink IL PAZIENTE INGLESE ispirato al film “Il Paziente Inglese” di Anthony Minghella (1996)

.

5 cocktail ispirati al grande cinema da rifare in casa

BARLADY: Ilaria Migliorini de La Zanzara di Roma.
INGREDIENTI: 60 ml VII Hills Italian Dry Gin, mezzo cucchiaio Vermouth Dry OSCAR. 697, mezzo cucchiaio Liquore al finocchietto.
BICCHIERE: coppetta. Garnish: scorza di limone e aneto
PREPARAZIONE: miscelare tutti gli ingredienti nel mixing glass, filtrare in coppetta precedentemente raffreddata. Guarnire con scorza di limone e aneto.

ISPIRAZIONE: dall’incontro tra due prodotti italiani di alta qualità, VII Hills Italian Dry Gin con le sue botaniche romane e il Vermouth OSCAR. 697 e i sapori genuini di ginepro e finocchietto selvatico, nasce questo cocktail, un twist sul Martini Cocktail, aromatico, fresco ed elegante, da gustare come il bel film d’autore da cui trae ispirazione. Il paziente inglese è stato tratto  dall’omonimo romanzovincitore nel 1992 del prestigioso Booker Priz – dello scrittore canadese Michael Ondaatje e si aggiudicato ben 9 Oscar nel 1997, consacrando definitivamente l’attrice francese Juliette Binoche e “il paziente” in questione ossia Ralph Fiennes. Ambientato in location memorabili, tra cui l’Italia, scandaglia con intensità i più profondi sentimenti umani: viaggiando tra il ricordo, l’amore e la sofferenza è considerato uno dei migliori film di tutti i tempi!

cocktail ispirati al grande cinema da rifare in casa-il paziente inglese film 1996

.

.