Chanel: Paris in Rome 2015/16

Una sfilata omaggio alla “connessione” speciale che c’è sempre stata tra l’Italia e la Francia, per innumerevoli ragioni culturali e non solo. Parigi e Roma, due città iconiche incredibili, sempre sospese tra sogno e realtà. Entrambe trionfo assoluto di arte, cinema e moda: non solo la bellezza che c’è e si vede, ma insieme tutto un microcosmo di suggestioni e di pura magia. 

In un’unica notte fredda e splendente di dicembre, una fiaba moderna e antica nello stesso tempo ha preso vita nel mitico felliniano Teatro N°5 degli studi di Cinecittà – con palese riferimento anche al numero fortunato di Madame Coco (tanto da dedicargli la celeberrima fragranza nel 1921) – per  ricordare un connubio fortissimo quanto affascinante, quello tra moda e cinema e celebrare il sogno che queste due arti ci regalano, ognuna a modo suo. 

scenografia

Paris in Rome, con la sua atmosfera vintage dal sapore un po’noir un po’ chic romantico con i suoi incantevoli bistrot e boutique, con i Cinéma, brasserie, mètro e Boulangerie, deliziosa cornice ricreata in quello che era un tempo il Regno della Settima Arte per la collezione speciale dei Métiers d’Art, esaltazione della sapienza artigianale degli Atelier della Maison. 

Una vera e propria festa della maestria assoluta nel ricamo e nella decorazione minuziosa e preziosa, 

attraverso l’uso di un’infinita varietà di materiali, dal cotone, paillettes, piume, cristalli, pendenti e perle su tessuti leggeri e luminosi quali organza e chiffon o più resistenti come pelle e tweed.  

chanel-once-2015-1

Uno per uno con ago e uncinetto, i ricami vengono applicati con certosina precisione e necessitano di un lavoro intenso e perfetto, ma anche di grande esperienza e abilità:

→ una delle tecniche chiave è la Lunéville“, che prende il nome dalla omonima città francese e risale al 1867, mentre un novità di questa collezione è invece la pelle “farfalle“, piegata e ricamata con perline, appositamente progettata da Maison Lesage per Paris in Rome 2015/16 Métiers d’Art show

chanel-once-2015-2

<<Ho tratto ispirazione da tutto e niente. E’ una visione ma non dettagliata. La collezione è attuale ma interpretata nell’atmosfera di una Parigi romantica e idealizzata, come in una fotografia di Eugène Atget. La scenografia doveva essere in bianco e nero, come all’epoca del cinema muto. Avevo bisogno di una scenografia molto fotogenica e credo che lo sia>> 

(Karl Lagerfeld)

Prima dello show, come sempre memorabile, è stato presentato in anteprima il film “Once and forever”, ideato e diretto da Karl Lagerfeld, interpretato da Kristen Stewart (già in precedenza testimonial Chanel e volto della campagna pubblicitaria Métiers d’Art Paris in Rome 2015/16) e Géraldine Chaplin: le due attrici indossano nel corto alcuni abiti originali di Haute-Couture del patrimonio della Maison, che vanno dal 1900 al 1960, in una sovrapposizione di epoche passate e future, tema cardine del Kaiser da un bel po’ di tempo a questa parte. 

Qui il film

E infatti anche gli abiti, come il mood, rendono l’idea di un continuo armonioso e fluido mescolarsi di più motivi, classici e contemporanei, attraverso silhouettes femminili e seducenti, dense di eleganza e grazia. 

Non manca mia l’iconico tweed, boucle e jacquard, giacche e cappotti all’insegna del bianco e nero, mantelline, ovviamente il tailleur e le maxi collane, tubini, long dress castigati e gonne midi -molto grintose quelle o vernice nera – mules – sabot ai piedi ideati e realizzati a partire da un modello classico Chanel trasformato, calze in pizzo super romantiche, che nell’immaginario generale fanno sempre molto parisienne. 

chanel-once-2015-3

A completare i look le adorate bag che conosciamo e desideriamo fin troppo bene, con una news troppo cool, ossia la “camera clutch”, tracollina a forma di cinepresa vintage. 

Chanel_Once

Si viaggia ininterrottamente dagli anni Venti agli anni Settanta, nei tagli, nei richiami, nello stile, ma anche nel glamour e nella classe senza eguali che ci fanno tornare in mente in loop le immagini delle attrici più iconiche del grande cinema italiano e francese degli anni d’oro e le atmosfere e le scene più belle dei film del cuore di sempre.

Da Fellini, a Luchino Visconti (a proposito ricordiamo la sua grande amicizia e le collaborazioni proprio con la nostra Gabrielle Chanel) ad Antonioni senza dimenticare Godard e Truffaut… siete pronte? Ciak, si gira!

.

Paris in Rome 2015/16 Métiers d’Art show