Carmen Y Lola di Arantxa Echevarria

Festival Mix Milano: LOVE RIOT!

È in partenza l’edizione numero trentatré del Festival MIX Milano di Cinema Gaylesbico e Queer Culture che dal 20 al 23 giugno presenta la più importante cinematografia e produzione audiovisiva LGBTI internazionale e nazionale a Milano, tra il Piccolo Teatro Strehler e il Piccolo Teatro Studio Melato.

Si tratta del festival tematico di cinema e cultura queer più seguito in Italia, oltre che un‘esclusiva occasione di incontro, scambio, approfondimento e intrattenimento sulla narrazione e rappresentazione della cultura queer e delle pratiche di diversity&inclusion: quest’anno si celebrano i 50 anni delle Rivolte di Stonewall (28 giugno1969) e il Festival diretto da Andrea Ferrari, Debora Guma e Rafael Maniglia ha scelto di sottotitolare la manifestazione con un significativo LOVE RIOT!

 

“Siamo stat* punk ma non contava il numero dei piercing perché eravamo già “soggetti eccentrici”
come diceva Teresa de Lauretis o “checche rivoluzionarie” come preferiva Mario Mieli. Abbiamo
lottato usando come unica arma i nostri corpi, sfilando con orgoglio in strade che diventavano di
anno in anno meno ostili mentre nei sottoscala le nostre associazioni creavano ogni giorno cultura
e quindi un pezzetto di libertà in più – raccontano i direttori – Oggi a 50 anni da
Stonewall, sentiamo la necessità di ribadire l’impegno a non abbassare, e non fare abbassare,
l’attenzione per continuare nella costruzione di un mondo che non si fondi sulla sottrazione bensì
sulla moltiplicazione di diritti, vite, fantasia, possibilità, sogni per tutti i generi, le etnie e le
minoranze, quelle che vediamo oggi e quelle che emergeranno domani”

 

Il Festival presenterà un cartellone composto da circa 60 titoli suddivisi nelle consuete tre sezioni competitive – Lungometraggi, Documentari e Cortometraggi – e numerosi appuntamenti di letteratura, teatro e musica: l’inaugurazione è affidata a un filmmaker di punta della nuova onda del cinema queer brasiliano, Armando Praça con l’anteprima italiana di Greta, film intimo e struggente che riflette sulle identità di genere e di orientamento sessuale, presentato con successo all’ultima Berlinale (giovedì 20 giugno ore 20.00 presso il Teatro Strehler alla presenza del regista)

 

 

#Danonperdere il lungometraggio Rafiki (Kenya,2018) di Wanuri Kahiu, in programma il 22 giugno alle ore 20.45 presso Teatro Studio Melato: Rafiki  significa “amica” in lingua swahili ed è un termine che viene spesso usato per indicare il partner in una coppia omosessuale. Con sguardo originale e intenso il film narra lo sbocciare dell’amore all’interno di una società conservatrice tra le due protagoniste Kena e Ziki. Bandito in patria proprio per la sua tematica, dopo essere stato presentato a Cannes nella sezione “Un Certain Regard” del 2018, sta riscuotendo un successo strepitoso in tutto il mondo. La storia è tratta dal racconto “Jambula Tree”, della scrittice ugandese Monica Arac de Nyeko, vincitrice del premio Caine per la Letteratura Africana nel 2007. 

 

 

Uno sguardo particolare dalla Spagna arriva da  Carmen Y Lola di Arantxa Echevarria, le cui protagoniste sono due gitane alla scoperta del sentimento che gradualmente nasce tra loro ma sempre alle prese con il contrasto tra l’ aspirazione di libertà e il rifiuto delle rispettive famiglie. Acclamato alla sezione Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes 2018 e Miglior opera prima ai Premios Goya 2019.

 

 

Tra i documentari in anteprima europea Fabulous diAudrey Jean-Baptiste (22/06/2019 – ore 18.00 presso Teatro Studio Melato): Lasseindra Ninja, ballerina professionista transgender, vera Star internazionale, torna dopo dieci anni nella Guyana Francese, decisa a portare il voguing anche nel suo paese d’origine.

 

 

Per il programma completo:

http://festivalmixmilano.com/programma/