Film da vedere per conoscere le regole dell’amore

Film da vedere sull’amore, o meglio “tutto quello che avreste voluto sapere sull’amore”.

La citazione è un chiaro riferimento ad un famoso film di Woody Allen.

E noi partiamo proprio da lui per le nostre riflessioni sull’amour, prendendo in esame -in tono semiserio- ben 8 film che possono insegnarci qualcosa.

Sappiamo benissimo che l’amore è un argomento che non smetterà mai di interessarci anche quando facciamo i single convinti quindi ggi vogliamo analizzare anche i fatti oltre alle “belle parole”.

Ecco tutto – o quasi tutto – quello che avreste voluto sapere sull’argomento perché come disse la nostra Carrie Bradshaw<<Sono qualcuno in cerca dell’amore, del vero amore, ridicolo, sconveniente, che ti consuma, del genere non posso vivere senza di te…>>. Già.

Allora ecco i primi 4 titoli:

.

1) I dubbi e le verità assolute su quella storia… con “Io e Annie” (Annie Hall, 1977).

Apriamo con un Classico che ha fatto la scuola dell’interrogarsi su un amore finito. Grande film girato con un taglio ironico ma con la speranza che quel “qualcosa” lo si possa rivivere ancora ma bando alla nostalgia, vediamo cosa ci insegna.

annie-hall

.

La domanda quindi è: PERCHE’ UN AMORE FINISCE? 

Di sicuro, “Io e Annie”, vincitore di ben 4 premi Oscar, è uno dei migliori film biografici di Woody Allen, anche grazie alla parte dell’amata affidata alla musa del momento Diane Keaton, con sottofondo una calda New York in contrasto con una superficiale Los Angeles.

io-e-annie-mod1copiaLei, ragazza inizialmente un po’ impacciata e con uno stile originale (Diane Keaton si vestiva veramente così) incontra il comico e sceneggiatore Alvy Singer e si piacciono. Vivono cosi una bella storia d’amore che poi finisce, come saprete.

Definita “commedia romantica nevrotica” è narrata dal punto di vista maschile in toni agrodolci perché nonostante le battute sarcastiche, l’ironia tagliente e le considerazioni psicanalitiche c’è un fondo di romanticismo; inoltre il finale è aperto e più credibile di un solito lieto fine.

Il protagonista infatti si interroga su come è potuto finire il loro amore e quali fattori hanno influenzato i rapporti con la sua ormai ex. Come può finire un amore?! Può, può.

Insomma Woody svela come anche gli uomini si possono perdere nelle loro insicurezze ed elucubrazioni compiendo un viaggio a ritroso, poi ne vale la visione per il fantastico cameo di Marshall McLuhan. Touché.

Prendete nota: proprio quando credete di avere raggiunto l’apice e io-e-annie-mod1copiala perfezione nel vostro rapporto, allora è il momento giusto per accorgersi della persona che vi sta accanto. Nel caso agite da persone mature come dice il Alvy, e chissà perché nella coppia siete voi la persona matura.

Comunque quanta saggezza ragazzi miei. 

La verità secondo LUI: 

<< Dopo di che si fece molto tardi, dovevamo scappare tutti e due. Ma era stato grandioso rivedere Annie, no? Mi resi conto che donna fantastica era e di quanto fosse divertente solo conoscerla. E io pensai a… quella vecchia barzelletta, sapete… quella dove uno va dallo psichiatra e dice: “Dottore mio fratello è pazzo, crede di essere una gallina”, e il dottore gli dice: “perché non lo interna?”, e quello risponde: “e poi a me le uova chi me le fa?” >>.

.

<< Be’, credo che corrisponda molto a quello che penso io dei
rapporti uomo-donna. E cioè che sono assolutamente irrazionali, ehm… e pazzi. E assurdi, e… ma credo che continuino perché la maggior parte di noi ha bisogno di uova >> 

La verità secondo LEI: 

<<Bisogna che affronti la realtà… io adoro Alvy ma la nostra cosa sembra che non funzioni più>>

♦ ♦ ♦

2) Capire quando non è solo amicizia con “Harry ti presento Sally” (When Harry met Sally, 1989).

harry2

Va da sé che è una delle più brillanti comedy romantiche (mie preferite) che guardo e riguardo quando sono in modalità “domenica-in-pace-con-thè-biscotti-e-calzettone-antigelo”. Molto bene.

Detto ciò, se non mi stanco mai di rivederlo un motivo ci sarà no? Sì certo, per il grande cast di tutto rispetto, per la regia di Rob Reiner (qui Billy Crystal mostra tutta la sua bravura ed è adorabile, non c’è che dire), per le famose improvvisazioni e battute che hanno reso il film unico nel suo genere (come quella su Charlie Chaplin, ogni volta rido) oltretutto con situazioni tratte dalla vita sentimentale vera della sceneggiatrice Nora Ephron e del regista che si svolgono in una quotidiana New York.

Ma a noi cosa interessa veramente?  

Sì proprio quello: CAPIRE SE E’ AMORE O SOLO AMICIZIA? 3556568259_95ddac8a27_o - Copy

Ragazzi, che lo vogliate o no, la verità è che il confine è labile, molto labile, più di quanto uno possa credere. Ma se così non fosse allora perché ci mettiamo insieme al nostro migliore amico o all’amica storica del liceo (ancora peggio delle scuole medie) dopo anni di segreto o inconscio sentimento magari anche altrettanto inconsciamente ricambiato? (e qui “Dawson’s Creek” ci ha messo in crisi vera). 

Perché è un dato di fatto che se c’è amicizia tra una ragazza e un ragazzo, vuol dire che si sta bene insieme, ci si sente se stessi, liberi di dire quello che ci passa per la testa senza sembrare troppo strani, il tutto senza malizia e bla bla bla. Insomma ci divertiamo e ci confidiamo. Ma non sempre si capisce o capita di ricambiare e quindi? Si sparisce o ancora peggio, si entra nella cosi detta f-r-i-e-n-d-z-o-n-e. Ma questo lo lasciamo ai teens, ai più grandi forse basta del savoir faire per non perdere una buona amicizia. Forse. Salvo poi rendersene conto troppo tardi… che in fondo in fondo non era amicizia. 

3556568259_95ddac8a27_oAttenzione: se vi siete conosciuti ad una festa oppure ad una cena, può nascere davvero, perché no, anche solo una bella amicizia – ingenuità a parte – ed è questo il bello di una conoscenza senza interessi. Ma se sentite qualcosa di più, allora datevi tempo per conoscervi e capire di che natura è il vostro rapporto. Tutto qui. Più facile a dirsi che a farsi, lo so. D’altronde Harry e Sally ci hanno messo ben 12 anni per scoprire di amarsi eh.

• La verità secondo LUI: 

<<No, no no no no, non l’ho mai detto! … Sì, hai ragione, non possono essere amici. Cioè, se tutti e due stanno con qualcun altro allora sì, è l’unico emendamento alla regola d’oro: “Se due persone stanno con altri la possibilità di un coinvolgimento diminuisce”. E non funziona lo stesso, perché allora la persona con cui stai non capisce perché devi essere amico della persona di cui sei solo amico, come se mancasse qualcosa al rapporto e dovessi andare a cercartelo fuori. E quando dici “no, no, no, non è vero, non manca niente al rapporto”, la persona con cui stai ti accusa di essere segretamente attratto dalla persona di cui sei solo amico, il che probabilmente è vero >>

<< Insomma parliamoci chiaro, vale la regola d’oro, si abolisce l’emendamento: uomini e donne non possono essere amici. Vieni a cena con me? >>

• La verità secondo LEI: 

<<Quello che ti sto dicendo è che da qualche parte là fuori c’è l’uomo che si suppone tu debba sposare. E se non lo prendi per prima, qualcun altra lo farà, e dovrai trascorrere il resto della tua vita sapendo che un’altra è sposata con tuo marito>> 

♦ ♦ ♦

3) Scoprire la magia dell’incontro casuale con “Prima dell’Alba” (Before Sunrise, 1995).

.

immagine_before-sunrise-prima-dell-alba_41456

Ok, anche questo è nella lista dei film che amo. Altro scenario: siamo negli anni Novanta (ciò basta per eleggerlo tra i migliori film di genere) e look a parte, siamo in Europa in piena estate.

In treno Sally, americano, si avvicina a lei, Celine, parigina, e scocca subito l’intesa. Infatti questo film di Richard Linklater ha avuto un tale successo che ne hanno prodotto due sequel con tutta l’evoluzione del rapporto: ritrovarsi, amarsi, crisi nera ecc ecc… non sveliamo il finale ovviamente!

Se non l’avete ancora fatto, recuperate tutta la trilogia.

Tra l’altro se mi capitasse veramente di incbefore-sunrise-prima-dell-alba-linklater-hawke-delpy-07-modcopiaontrare sul treno uno come Ethan Hawke, sarei a posto per tutta la vita. Che te lo dico a fa’!

Comunque: UN COLPO DI FULMINE PUO’ ESSERE DURATURO?

Prima dell’alba, prima del tutto… perché cosa c’è di più poetico e romantico nel girovagare in una città straniera e trascorrere tutta la giornata insieme aspettando il sorgere del sole e rimanere come sospesi nel tempo? Cosa c’è? Pura magia.

Una recente ricerca ha confermato che l’elemento “cervello” affascina notevolmente ed è forse il più importante per coinvolgere qualcuno. E confermo che se incontri una persona divertente, intelligente e che sa metterti a proprio agio, allora il gioco è quasi fatto. Vale sia per lui che per lei, perché un’intesa è sia “a pelle”, che in  un secondo momento, nata da una conversazione di un certo spessore, senza per forza citare Platone o mettere di mezzo i massimi sistemi, ma è un’arte da non sottovalutare. E il tempo vi assicuro non esisterà più. Insomma il feeling, l’intesa “di testa”. Non a caso sono nati i così detti sapiosexual (della serie hanno scoperto l’acqua calda ehm).

before-sunrise-prima-dell-alba-linklater-hawke-delpy-011xcopiax

Questo non vale per gli egocentrici narcisisti e le logorroiche però. In ogni modo sulla lunga scadenza di una relazione nessuno può garantire, se non la vostra capacità di rinnovare il vostro patto d’amore nato da una scintilla. Costruire, giorno dopo giorno. Impegno e fiducia. Già.

Altrimenti come dice la mia socia: avanti il prossimo!

• La verità secondo LUI:

<< Io, ecco, vedo l’amore come una specie di fuga per due persone che non sanno stare da sole, capisci? Oppure… insomma, è buffo, la gente parla sempre di come l’amore sia una cosa del tutto altruista e generosa, ma se ci pensi bene non c’è niente di più egoista >>

• La verità secondo LEI:

<< Io sento sempre la pressione di essere questa forte, indipendente, icona della femminilità e di non dover mostrare che la mia intera vita sta ruotando intorno a qualche uomo ma… Amare qualcuno ed essere amata significa moltissimo per me >>

<<Io ci ho sempre scherzato sopra, ma tutto quello che facciamo nella vita, non è un modo per essere amati un po’ di più?>>

.

♦ ♦ ♦

4) Se sognate una storia struggente vedete “Le pagine della nostra vita” (The Notebook, 2004).

Ed eccoci con il filmone struggente. Posso dire che non mi emozionavo così dai tempi di Jack e Rose di “Titanic”. Visione consigliata con un gruppo di amiche rigorosamente single, spalmate sul divano con kleenex alla mano, perché alla fine del film “ci darete dentro” con le lacrime. Vi ho avvertito.

2004_the_notebook_020

Tratto dall’omonimo romanzo di Nicholas Sparks, il regista Nick Cassavetes ha  portato sullo schermo questa intensa storia drammatica: l’amore della vita, che sboccia durante un’estate nell’America degli anni ’40 e che arriverà fino ai giorni nostri, attraverso peripezie varie, tra addii e continui ritrovarsi dei due.

Tra l’altro gli attori protagonisti, ossia Ryan Gosling e Rachel McAdams sono stati insieme anche nella realtà – galeotto fu il set – e hanno avuto un rapporto di liti e passione come nel film, ma il terzo punto – il per sempre – purtroppo non l’hanno raggiunto. Non mi stupisco dai.

Le-Pagine-della-Nostra-Vita-Ryan-Gosling-Nick-Cassavetes-Nicholas-Sparksxcopia3Tornando a noi, qui la domanda sorge spontanea: L’AMORE ETERNO ESISTE ANCORA?

E soprattutto lo vogliamo davvero? O in realtà ne abbiamo paura? Lasciando da parte, per una volta il cinismo, scopriamo il romanticismo con la R maiuscola. Ragazzi ammettiamolo: a volte sogniamo un amore che ci sorprende e che ci travolge completamente, di incontrare una persona che ce lo dimostri con gesti plateali o anche con piccole azioni ma significative (che ci fanno sciogliere come caramelle mou)Ma, forse questa è una visione troppo idealizzata? Della serie, aspettiamo ancora il principe azzurro, dopo aver incontrato svariati principi neri come la pece? La risposta è si.


Altra riflessione: non sempre il vero amore è immediato e lineare, non sempre è facile. A volte deve perdersi e percorrere strade tortuose per tornare infine da te. Proprio come nei romanzi o come canta Venditti.

Vi dico solo che conosco coppie che si sono ritrovate dopo anni e anni di lontananza, di distanza l’uno dall’altra, che hanno avuto altre storie, ma alla fine il destino le ha portate ad incontrarsi di nuovo e hanno riacceso la scintilla iniziale, perché in fondo il sentimento non era mai svanito. E magari prima di allora non erano pronte l’uno per l’altra mentre ora sono uguali a ieri ma diverse:  wallpaper-di-rachel-mcadams-64820xcopiametti capelli brizzolati oppure occhialone da vista, o con qualche ruga in più, ma magari con una consapevolezza diversa e al loro “per sempre” io ci credo.

Altrimenti: due miei amici, giovani e belli, attualmente entrambi single, si piacciono e sanno che ora <<non funzioniamo come coppia>> allora si sono giurati amore eterno qualora alla soglia dei sessant’anni si ritrovassero ancora single. A lungo termine almeno c’è la promessa. Insomma l’importante è parlare e comunicare ed essere sinceri. All’Amore non si mente mai!

• La verità secondo LUI:

 << Ho amato una donna con tutto il cuore e tutta l’anima e per me questo è sempre stato sufficiente >>

• La verità secondo LEI:

<< È così strano… noi due, così tanto tempo fa, eravamo solo dei bambini ma ci amavamo sul serio noi due, vero? >>

E per chiudere in bellezza:

Si perdevano solo per trovarsi.
Si lasciavano per riabbracciarsi.
Si odiavano per amarsi. Erano strani quei due.
Tanto da farmi credere che il vero amore esistesse.

.

.