Giocando con l’Orlando.Teatro Duse

“Giocando con l’Orlando” con Stefano Accorsi e Marco Baliani al Teatro Duse di Bologna.

Dopo il grande successo del precedente spettacolo “Furioso Orlando”, Stefano Accorsi e Marco Baliani sono di nuovo insieme per “giocare” ancora con i versi di Ariosto:

una nuova avventura, generata da occasioni, coincidenze e imprevisti, che coinvolgerà il pubblico in un’inedita esplorazione di uno dei capolavori della nostra letteratura italiana.

Baliani racconta:

“Lo scorso luglio ero ad Asti per la regia della stagione estiva del Furioso Orlando, ma quel giorno l’attrice – Nina Savary – non è riuscita a prendere l’aereo, le scenografie non sono partite da Napoli e c’erano più di ottocento prenotazioni. Il produttore Marco Balsamo e gli organizzatori erano disperati, con Stefano Accorsi ci siamo messi a tavolino: siamo andati in scena così, senza costumi e luci, improvvisando. Io, che non conoscevo a memoria il testo, ho recitato le parti femminili e ho riprodotto con il suono della voce tutti i rumori di scena. Lì è nata l’idea di creare una nuova messinscena, con soltanto noi due attori in scena, tornando un po’ al fondamentalismo del mio Kohlhaas. È un nuovo esperimento, una nuova tappa di lavoro”

 

foto

Stefano Accorsi sarà ancora il paladino Orlando, ma anche il cantore che aggancia i vari episodi nel flusso della storia, Marco Baliani sarà invece un fool, un regista in scena, pronto ad essere spalla e comprimario, a tendere trappole e inventare strofe.

Lo spettacolo parte sempre dalle due storie d’amore principali: il paladino Orlando che insegue la bella Angelica e la guerriera cristiana Bradamante innamorata di Ruggiero, cavaliere saraceno destinato alla conversione, per poi moltiplicare i personaggi, creandone altri intorno, mostri compresi, per condurli a giocare sulla corrispondenza delle rime infilate in un ritmo galoppante, con molta improvvisazione verbale, con rime difficili da trovare, con gesti difficili da compiere. Mimmo Paladino con i suoi celebri cavalli, realizza la giostra per i duelli, gli amori, gli scontri e gli incontri dei cavalieri che appaiono e scompaiono nel girotondo che il gioco impone.

foto (3)

Ecco, che grazie a questo gioco, a questa ludica gioia teatrale, a tratti apparirà, per intero, la passione dell’amore, distillata e resa straziante, la forza dell’amicizia, in un attimo di commossa fratellanza, la furia della gelosia in un esercizio distruttivo.

“Giocando con Orlando sorprenderà lo spettatore, che, dopo esser stato condotto al campo da gioco, alla giostra e alla helzapoppiniana baraonda, si troverà  all’improvviso di fronte a qualcosa di antico, i sentimenti, avrà appena il tempo per sentirli e provare qualcosa che assomiglia alla nostalgia, per poi essere trascinato di nuovo  sulle montagne russe dell’Ippogrifo volante o dell’Orca ruggente”

(Baliani)

Siamo dunque curiose di assistere alla nuova versione del capolavoro di Ludovico Ariosto:

l’autore si dedicò per circa trent’anni alla stesura di questo poema epico cavalleresco, radicato all’interno dell’orizzonte socio culturale della corte estense, continuando ad ampliarlo e a rielaborarlo per tutta la vita. La terza e ultima edizione, in quarantasei canti, apparve a Ferrara nel 1532.


L’Ariosto ideò una struttura policentrica, ma organizzata in un disegno globale e organico:

“Il Furioso è un libro unico nel suo genere e può essere letto senza far riferimento a nessun altro libro precedente o seguente; è un universo a sé in cui si può viaggiare in lungo e in largo, entrare, uscire, perdercisi”

(Italo Calvino)

“Approfittiamo allora di questa occasione, per farci coinvolgere in vicende meravigliose e affascinanti, di pazzia, guerra, desiderio, fughe e inseguimenti, e per emozionarci, perché forse alla fine ogni uomo desidera e ricerca continuamente qualcosa di irraggiungibile e “la vita è un susseguirsi di sogni e un continuo perdersi”!

(G. Ferroni, su Ariosto)

Nuovo Teatro diretta da Marco Balsamo presenta in collaborazione con Fondazione Teatro della Pergola di Firenze

Stefano Accorsi e Marco Baliani – GIOCANDO CON ORLANDO
Liberamente tratto da “Orlando Furioso” di Ludovico Ariosto
Scene Mimmo Paladino
Impianto scenico Daniele Spisa
Costumi Alessandro Lai
Disegno luci Luca Barbati
Adattamento teatrale e regia di Marco Baliani

♦ ♦ ♦

.

Teatro Duse
Via Cartoleria 42
Bologna
21-23 febbraio 2014
Venerdì e Sabato alle ore 21-Domenica alle ore 16