Keanu Reeves, il ritorno della non star

La domanda è: ma se ne era mai andato?

No, certo che no, ma Keanu Reeves ha quel magico dono di apparire e scomparire con una leggerezza e semplicità (semplicità fino ad un certo punto perché vediamo con che clamore si è lanciato ultimamente) che solo le star non star sanno avere. 

Potevamo quindi non dare uno sguardo ad uno così? Ci sarebbe mai sfuggito un fantastico momento di un grande attore che ha segnato gli anni ’90 e 2000 e di una bella persona quale è? Ovvio che no. Ma andiamo con ordine per capire cosa è successo durante il turbinio del suo ritorno.

Keanu Reeves su Australian Men’s Fitness (Maggio 2019)
Trad.: “Mi piacciono i film di combattimento. Puoi buttare fuori tutta la tua tensione e aggressività senza che nessuno si faccia male”

.

54 anni portati benissimo, amante di surf e motocicletta, è dotato di super geni grazie al riuscito mix di madre inglese e padre di origine cinese, hawaiano e americano, ma anche grazie alla sua personal trainer che lo richiama all’ordine quando lui è fermo da un po’ e deve rimettersi in pista per vari progetti. 

Come gli ultimi lavori che ha accettato: il primo è stato fare da testimonial per una nota casa di moda, mai prima di allora si era prestato a farlo o forse nessuno glielo aveva mai chiesto in effetti, e il secondo riguarda il ruolo in un film di una trilogia che ha avuto un notevole successo di botteghino.

Ecco il caso mediatico: siamo a fine aprile 2019 e dopo mille foto in anteprima firmate David Sims, spezzoni di video promo in countdown, il tutto rigorosamente in bianco e nero, ecco che a maggio esce la tanto attesa campagna pubblicitaria di Saint Laurent con Keanu Reeves come modello in tutto il suo splendore, per la stagione Fall 2019: foto eleganti scattate in studio, la collezione presenta dei look da rocker attualissimi con completi dai tagli sartoriali e con accessori che se già rendono cool una persona normale, figuriamoci indossati da uno come lui.

Ecco la serie per chi se lo fosse perso!

E il popolo del web è impazzito, giustamente:

Possiamo dire che c’è stata una fusione di intenti – anche se Reeves precisa che vuole separare bene i ruoli che sceglie da quello che è lui come persona –  perché nello studio fotografico di Sims vediamo un Keanu Reeves che potrebbe essere il John Wick del film tale è la corrispondenza delle personalità: carisma, eleganza e mistero.

“I don’t feel I have any obligation to share my private life with people who enjoy my work”

trad.: “Non sento di avere nessun obbligo di condividere la mia privata con le persone con cui lavoro” (da: www.thejakartapost.com/life/2019/05/28/keanu-reeves-says-he-is-a-lonely-guy.html)

.

E su questo sono d’accordissimo mio Keanu, la pensiamo allo stesso modo.

Solo un altro è arrivato a presentare una figaggine pari alla sua: Vincent Gallo sempre per Yves Saint Laurent nel 2007 by Jeff Burton e nel 2018 by David Sims. Quindi primo premio alla Maison YSL per la scelta azzeccatissima dei testimonial maschili: ruvidi e affascinanti.

Proseguiamo con il secondo progetto: oltre alla pubblicazione sui social delle immagini della campagna di Saint Laurent, ecco l’uscita nelle sale italiane per metà maggio del 3° capitolo della serie su John Wick. Insomma quando Mr Reeves vuole tornare sulle scene lo fa sempre con grande stile e con grande preparazione. Per l’ultimo film infatti si è preparato per ben 4 mesi prima del ciak.

John Wick è un film d’azione al limite dell’americanata trash, quindi non credibile, ma che funziona nel suo genere perché unisce il pensiero orientale della mission guidato da un codice d’onore del guerriero che il protagonista porta avanti con eleganza sia nelle movenze che nel vestiario (è sempre vestito in modo impeccabile), con la potenza dell’azione americana.

Un assassino spietato ma che agisce con il senso della giustizia e con dei valori quindi eroe iconico. Ecco la sua assolutezza.

Ammetto di avere visto il primo “John Wick” per pura curiosità, e in effetti la storia intrigava, così per capire meglio la preparazione che c’era stata dietro al suo ritorno sulle scene, ho visto su Youtube alcuni video sul suo allenamento tostissimo di arti marziali e di sparatorie. Che dire? Wow.

Infine, è successo un altro caso mediatico dall’altra parte del globo con un aneddoto che ha fatto il giro sui social, confermando ancora una volta la disponibilità dell’attore di compiere buone azioni per i suoi fan e non solo. Vi linko “la storia del gelato” con la fonte da Twitter: www.bestmovie.it/news/keanu-reeves-lidolo-del-web-la-commovente-storia-del-suo-autografo-diventa-virale-ancora/696584/

Ora dopo tante belle parole, passiamo ai fatti ed ecco qui i video dove Keanu si allena per la trilogia “John Wick”. Nel terzo video si vede una Halle Berry in super forma: lascio a voi ogni commento di stupore, ammirazione e mi fermo qui, meglio.

E per concludere, qual è il desiderio più grande di Keanu Reeves? Ritornare in Libano, dove tutto è iniziato.

.


Servizio fotografico da GQ USA – Maggio 2019

Twitter dal web: Dazed

Twitter dal web: www.brighthumanity.me

Immagini del servizio fotografico da GQ USA, maggio 201