L’orizzonte degli Eventi a Roma

invitoFiorelli Orizzonte degli eventi

La mostra presenta lavori inediti, opere in tarlatana e box di plexiglass, oltre a due grandi installazioni site specific.

Le sculture di Emanuela Fiorelli sono la trasposizione di uno schema mentale preordinato, che attraverso la distensione e l’ordito di un filo elastico o di cotone prende la forma di piani e volumi. Il tracciato rigoroso del filo, lo studio degli angoli e l’accostamento di superfici semitrasparenti costruiscono un impianto prospettico severo e razionale.  Non c’è spazio né per un ripensamento né per l’errore di calcolo perché l’ortogonalità è l’essenza stessa della scultura.

Assecondare il caos, box in plexiglass, vinile e filo elastico, 50x50x14cm, 2014

Speculare con punto interrogativo, tarlatana e filo elastico su tela serigrafata, 90x70x10, 2013

Adesso però qualcosa è cambiato. Nelle opere realizzate per la mostra, l’estremo rigore formale che contraddistingue le sculture di Emanuela Fiorelli è entrato in crisi. Il filo si allenta e si flette su se stesso fino a perdere la tensione strutturale e la facoltà ordinatrice: le geometrie ortogonali collassano e si cancellano, i piani paralleli vacillano e interferiscono, le ampie campiture nere avanzano sulle superfici annullando la corretta percezione della profondità.

Emanuela Fiorelli segue con destrezza l’inedito impulso creativo, costruisce trame complesse e inaspettate, cosciente di arrivare a un punto in cui ordine e disordine si fonderanno insieme nella genesi dell’opera. Questo confine immaginario – come l’orizzonte degli eventi dei buchi neri nell’universo – nasconde inevitabilmente l’ignoto e concentra in sé un’immensa energia creativa, quella forza centrifuga e centripeta, caratteristica fisica del buco nero, che Emanuela Fiorelli dovrà riordinare e intessere in originali forme scultoree vorticose.

In-certo, tarlatana tinta e filo di cotone su tela serigrafata, 2014

La dimensione architettonica su scala ambientale della scultura si esprime pienamente nella grande installazione “L’orizzonte degli eventi” (2014), in cui la Fiorelli rappresenta in tre dimensioni la sua personale interpretazione dell’orizzonte degli eventi.

L’orizzonte degli eventi / personale di Emanuela Fiorelli e curata da Lorenzo Respi
Galleria Anna Marra Contemporanea
Via Sant’Angelo in Pescheria, 32
Roma
Da martedì a sabato, dalle ore 15.30 alle 19.30, su appuntamento
Fino al 24 maggio 2014
www.annamarracontemporanea.it