John William Waterhouse (1849-1917) La Dama di Shalott, 1888 Olio su tela, cm 153 x 200 Tate: Presented by Sir Henry Tate 1894 ©Tate, London 2019

Preraffaelliti in mostra a Milano: Amore e Desiderio

Preraffaelliti in mostra a Milano: i capolavori della collezione della Tate di Londra con la celeberrima Ofelia di Millais.

La mostra “Preraffaelliti. Amore e desiderio”, promossa e prodotta dal Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e 24 ORE Cultura-Gruppo 24 ORE e organizzata in collaborazione con Tate e curata da Carol Jacobi, Curator of British Art, 1850 – 1915 di Tate Britain è un appuntamento assolutamente imperdibile di quest’estate alle porte: circa 80 opere da ammirare, tra le quali alcuni dipinti famosissimi che difficilmente escono dal Regno Unito per essere prestati, come l’iconica Ofelia di John Everett Millais, Amore d’aprile di Arthur Hughes, la Lady of Shalott di John William Waterhouse, attraverso i quali scoprire tutta la bellezza di questo movimento artistico che da sempre affascina e travolge, dall’amore e dal desiderio alla fedeltà alla natura e alla sua fedele riproduzione, dalle storie medievali, la poesia, il mito, fino alla rappresentazione di donne misteriose e carismatiche che hanno segnato il nostro immaginario.

Dante Gabriel Rossetti (1828-1882) Monna Pomona, 1864 Acquerello e gomma arabica su carta, cm 47,6 x 39,3 Tate: Presented by Alfred A. de Pass 1910©Tate, London 2019

1848. In Europa scoppiano rivoluzioni politiche e sociali che coinvolgono quasi tutte le nazioni. In Inghilterra sette studenti  si  ribellano alle formule apprese alla Royal Academy e si uniscono per produrre una vera e propria rivoluzione artistica: liberare la pittura britannica dalle convenzioni e dalla dipendenza dai vecchi maestri.

Gli uomini e le donne della cerchia cosiddetta “preraffaellita” sperimentano nuove convinzioni, nuovi stili di vita e di relazioni personali, radicali quanto la loro arte. I loro leader erano Dante Gabriel Rossetti, John Everett Millais e William Holman Hunt e il loro intento era quello di introdurre nell’arte e nella poesia un nuovo realismo e un nuovo significato.

Il nome che si erano dati esprimeva la loro ammirazione per i pionieristici artisti del Medioevo italiano, prima che gli stili “raffaelliti” del Rinascimento si affermassero nel campo dell’arte.

Walter Howell Deverell (1827-1854) Un animale domestico, 1853 Olio su tela, cm 117,5 x 81,6 Tate: Purchased 1911 ©Tate, London 2019

Arthur Hughes (1832-1915) Amore d’aprile, 1855-56 Olio su tela, cm 88,9 x 49,5 Tate: Purchased 1909 ©Tate, London 2019

I Preraffaelliti crearono una sorta di “modernità medievale” per la loro epoca in rapida evoluzione, attingendo alla letteratura (da Chaucer, Dante, Shakespeare ad esempio), ma anche alla vita reale storie d’amore consone alle loro stesse esistenze, al loro stile di vita bohémien. Molti membri della cerchia preraffaellita erano inoltre anche scrittori, e con i loro dipinti intendevano confrontarsi con quella letteratura che tanto ammiravano, ma le storie d’amore che raccontavano corrispondevano anche alle moderne difficoltà dello stile di vita loro e del loro ambiente: amanti divisi dalle famiglie, dal ceto o dal denaro, per esempio, oppure amanti manipolatori e infedeli. Furono i primi a dipingere dal vero con luce naturale e colori brillanti.

Crearono una nuova intimità psicologica nella quale gesti, espressioni e segnali iconografici rivelano i pensieri e i sentimenti profondi dei loro protagonisti.

Dopo lo scioglimento della Confraternita (1853), la cerchia dei Preraffaelliti guadagnò nuovi osservatori e nuovi seguaci ed ebbe nuovi sviluppi: Rossetti abbandonò la “fedeltà alla natura” per concentrarsi su piccoli disegni e acquerelli ispirati all’arte e alla letteratura medievali, soprattutto alla poesia di Dante e alle storie arturiane di Thomas Mallory. Questi lavori, di carattere particolarmente intimo, venivano donati o venduti a colleghi, amici e collezionisti.

Si intravede così una seconda fase “estetica” del Preraffaellitismo che esplora connessioni tra arte, design, poesia e musica e orientandosi all’idea di bellezza e al suo potere seduttivo, attraverso una ritrattistica nuova e poetica, raffigurando donne della loro cerchia come personaggi letterari. Concentrate in se stesse e perse nelle loro fantasticherie, queste figure non raccontano una storia evocando, piuttosto, un sentimento e un’atmosfera: se all’epoca della nascita della Confraternita le modelle preraffaellite erano state criticate per il loro aspetto comune e ordinario, ora divennero icone di moda da seguire.

I Preraffaelliti furono tra i primi a rappresentare le donne come forze potenti, misteriose, distruttive: dee, incantatrici e altre mitiche femmes fatales – fatali a se stesse o agli altri.

John Everett Millais (1829-1896) Ofelia, 1851-52 Olio su tela, cm 76,2 x 111,8 Tate: Presented by Sir Henry Tate 1894 ©Tate, London 2019
Dante Gabriel Rossetti (1828-1882) Monna Vanna, 1866 Olio su tela, cm 88,9 x 86,4 Tate: Purchased with assistance from Sir Arthur Du Cros Bt and Sir Otto Beit KCMG through the Art Fund 1916 ©Tate, London 2019

Questo movimento artistico ha avuto senza dubbio un enorme impatto  sul modo di concepire l’arte e la mostra intende dimostrare come il fascino dei preraffaelliti, in quanto determinante nel processo formativo delle generazioni successive di artisti, sia ancor oggi straordinariamente attuale.

Centrale è infine il tema della poetica degli artisti preraffaelliti, che deve all’arte e in generale alla cultura italiana pre-rinascimentale quell’idea di modernità medievale che tanto la caratterizza.

Dante Gabriel Rossetti (1828-1882) Aurelia (L’amante di Fazio), 1863-73 Olio su tavola di mogano, cm 43,2 x 36,8 Tate: Purchased with assistance from Sir Arthur Du Cros Bt and Sir Otto Beit KCMG through the Art Fund 1916 ©Tate, London 2019

.

Palazzo Reale, Piazza del Duomo 12
Milano
Dal 19 giugno al 6 ottobre 2019
ORARI: Lunedì 14,30 – 19,30 / Martedì – mercoledì – venerdì – domenica 9,30 – 19,30 / Giovedì e sabato 9,30 – 22,30
Info e prenotazioni: tel +39 02 54914
palazzorealemilano.it|mostrapreraffaelliti.com| ticket24ore.it

.