Valentino Uomo AI 2015

Valentino Uomo Autunno-Inverno 2015. Arte e Moda: una contaminazione profonda e stimolante per un uomo all’avanguardia.

Ancora dalla Parigi Fashion Week, il magnifico fashion show pour homme tenutosi all’Hotel Solomon de Rotschild 11, di una grande casa di moda italiana: Valentino, per la direzione artistica di una coppia che io trovo strepitosa, Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli.

Men_Valentino_2015-1

Opera al centro: "Full Circle" (2013) - 90cm x 120cm © Esther Stewart

Nell’ideazione della linea, come è consueto per loro, i due creativi si sono ispirati a movimenti di rottura artistica, partendo dai Ballets Russes di Parigi (ricordiamo che il fondatore Serge Diaghilev volle essere sempre all’avanguardia e al passo con i tempi, collaborando con i più grandi artisti del momento, come  Georges Braque, Pablo Picasso, André Derain, Henri Matisse, Giorgio De Chirico) esperimento di creatività totale negli anni Venti del Novecento, per arrivare fino ad oggi, alle geometrie emotive della talentuosa e giovane artista australiana (Melbourne) Esther Stewart, con la quale hanno collaborato direttamente (anche per la scenografia) che lavora principalmente su serie basate sul riposizionamento di forme e colori.

Men_Valentino_2015_2

Opera a destra: "Just leaving" (2013) - 90cm x 120cm © Esther Stewart

Sempre interessante e di grande attualità questa originale contaminazione tra moda e arte. Una collezione che vede il trionfo  delle stampe geometriche e dei grafismi, tendenti all’optical, dal patchwork, alle tasche a contrasto, agli intarsi: fortemente decorativa – anche grazie ai ricami preziosi, come quelle leggere e libere farfalle che ormai  stanno diventando uno dei simboli tipici del brand (dominano anche nella collezione uomo SS 2015 e nelle collezioni donna da qualche stagione) o le stelle e i pianeti, il quadrifoglio – oltre che dall’uso molto vario del colore, dalle varie sfumature di grigio, al nero, marrone, beige, verde in più tonalità, rosso, blu, ocra.

Non manca il camouflage in due varianti cromatiche.

I capi proposti sono quelli essenziali del guardaroba maschile: cappotti ad astuccio chiusi da zip sovradimensionate di PVC, fiori termosaldati decorano i revers dei cappotti e blazer pied-de-poule, bomber in pelle, mantelle, giacche dalle silhouette smilze, dalle abbottonature alte, maglie di Shetland, pantaloni a sigaretta terminano su scarpe stringate a fondo rigorosamente alto – come è ora d’obbligo – o sulle sneakers bicolore con banda a contrasto.

Tra gli accessori più cool: guanti in pelle e – of course – handbag, pochette e zaini, ormai imprescindibili.