Film che vedi, cocktail che bevi

E’ ufficiale: meteo e disastri a parte, è iniziata la stagione dei cocktail in terrazzo!

Istruzioni per l’uso: da leggere solo se siete dei “sani” bevitori per i quali alla fine, ogni stagione vale.

Quindi, parlando ora un po’ di cose frivole – come piace a noi – passiamo dal nostro terrazzo di quartiere agli scintillanti attici del fantastico mondo di Hollywood, perché di fatto dopo il fascino della sigaretta c’è anche quello del cocktail ben servito.

Spesso un “accessorio” che dà quel tocco in più che non può assolutamente mancare, dai migliori film in bianco/nero retrò (vedi “Casablanca” come “Eva contro Eva”adoro!) fino al nostro “amico” dei giorni odierni – si si è solo un amicoMichael Fassbender che nel film “X Men – L’inizio” (2011) è apparso con in mano un bel Martini e sottile scorza di limone – altrimenti conosciuto come Stoli Martini – . Come dire, una vera visione.

Ok, questo basta per mettere d’accordo tutti. 

michael-fassbender-x-man-inizio-2011

.

E qui la domanda sorge spontanea: se voi foste un drink, quale potreste essere?

Birra a parte. 

•PER LEI:

Iniziamo con uno facile: è uno dei più blasonati, fa molto ragazza fashionista, infatti è sempre presente in una stra-arci-nota serie TVBravi, parliamo del Cosmopolitan che unisce tutte le amicizie (soprattutto femminili) con a seguire un Tartini, una vodka con ghiaccio, un Flirtini e-cosi-via come ci ha “illuminato” S.A.T.C. Salvo poi essere già sbronze prima di conoscere il Big de-noi-altri. Molto bene, andiamo avanti.

Se volete un cocktail leggendario e innocente, che si tramanda di calice in calice, allora vi consiglio lo Shirley Temple. Per chi non lo sapesse – pochi credo – : la bevanda fu inventata da un barman delle Hawaii in onore di una delle più famose attrici-bambine prodigio degli anni ’30 conosciuta come Riccioli d’oro. Esatto, è come voi: analcolico, dolce e fresco (occhiolino).

audrey-hepburn-breakfast-tiffanys-bar

Invece, sei già una donna indipendente e raffinata? Allora di chi stiamo parlando? Ecco un White Angel, il cocktail con cui Holly si mette in posa in “Colazione da Tiffany”. Ma vale solo se lo bevete con un atteggiamento da signora-per-bene-annoiata che fa più figo. In questo caso vi consiglio di indossare un bel paio di occhiali scuri per prepararvi all’effetto: tanto trasparente quando diretto. Della serie: non vi fate ingannare dall’angelico nome eh.

quando-la-moglie-è-in-vacanzachampagne e patatine!

Siete più focose e siete state invitate ad un appuntamento in un locale super chic? Benissimo, allora provate un Manhattan come Marilyn Monroe in “A qualcuno piace caldo” (e come in S.A.T.C. certo).  Sempre in compagnia di un bel lui da conquistare provate il Whiskey Sour come in “Quando la moglie è in vacanza”.

PS. Per il nostro bene: evitiamo di dire che beviamo come un pesce perché detto da una Marilyn Monroe funziona, detta da noi…ehm no.

Richard Sherman: LEI BEVE, VERO?

La vicina: OH, CERTO! BEVO COME UN PESCE! HA GIN?

Richard: SICURO! LO VUOLE LISCIO?

La vicina: NO, GIN E SODA, MI PARE.

Richard: GIN E SODA?

La vicina: AH, HO SBAGLIATO, VERO? È WHISKY E SODA… COME SI BEVE IL GIN?

Richard: BE’, C’È IL GIN AND TONIC, MA IO IL TONIC NON CE L’HO… POI C’È IL VERMOUTH GIN CHE È IL MARTINI.

La vicina: MI SOLLETICA! ALLORA PRENDO UN BICCHIERE DI QUELLO, UN BEL BICCHIERONE!

.

Allora un momento di concentrazione please, perché qui ci imbattiamo in ben due deliziosi cocktail <<dal colore pastello>> serviti in un film di grande stile: ci riferiamo allo Stinger e al Kir Royal “citati” in “Scandalo a Filadelfia” (1940), che merita già solo per vedere una “brilla” Katharine Hepburncosi magraaa, cosi modernaaa – in tutto il suo splendore. Magnifica.

THE PHILADELPHIA STORY, from left: James Stewart, Ruth Hussey, John Howard, Katharine Hepburn, Cary Grant, 1940

Comunque, tornando a noi, se preferite uno short drink con crema di menta per il dopo-cena, allora ordinate uno Stinger, molto più carino e invitante se servito in una bella coppetta di cristallo, so chic! Mentre se volete un long drink di origine francese più sfizioso con quel retrogusto al ribes, molto elegante – oh cielo –  e adatto per aperitivi dove dovrete tirar fuori i vostri preziosi flûte, è da provare il famoso Kir Royal. Per veri ladies and gentlemen. A voi!

•PER LUI:

Vi sentite dei leoni con un tocco di eleganza? Allora ecco il classico Vesper Martini, il pre-dinner cocktail che ordina James Bond in un momento di pausa. Il cocktail fu inventato nel 1953 da Ian Fleming, per il romanzo “Casino Royale“. Da allora lo si può realmente ordinare. Per molti ma non per tutti (ok, ok avete ragione, lo slogan è preso da Pinot Chardonnay Cinzano).

Ma perché non sorseggiare un White Russian? E’ adatto a voi, se siete tipi che sanno aspettare – una filosofia di vita disimpegnata e scialla per cui si gode delle piccole cose nel quotidiano – come ci ha dimostrato il Drugo ne “Il Grande Lebowski. Dovete avere quell’aria – finto –  trasandata mi raccomando, ma sapendo anche di essere rassicuranti. Insomma un binomio perfetto, siete l’amico ideale, il #BFF al maschile. Già.

Amate la gente giusta ma ogni tanto vi piace stare in solitaria per dedicarvi alla bozza del vostro ultimo romanzo? Prepariamo un Gin Rickey. Proprio il drink che beveva il grande Scott Fitzgerald che lo ha fatto assaggiare anche al suo personaggio Jay Gatsby  ne “Il grande Gatsby”. Infatti Jay lo beve quando incontra Daisy, suo grande amore. Cocktail da vero dramma sofistico e da jazz in sottofondo, nella versione cinematografica, dopo Robert Redford (che interpreta Jay appunto), brindiamo insieme al fresco premiato Leonardo DiCaprio. Alla nostra, Leo!

il-grande-gatsby-03

il-grande-gatsby-recensione-19526-1280x16L’arte di tenere una coppa di champagne

Siete invece per il fruttato? Provate un Banana Daiquiri, una variante ufficialmente riconosciuta dalla I.B.A. (International Bartenders Association) del celeberrino Daiquiri, molto apprezzato dal grande Ernest Hemingway insieme al fresco mojito. Infatti se andate in vacanza a Cuba, ricordate: My mojito at La Bodeguita, my daiquiri at El Floridita. D’altronde, se ti trovi ai Caraibi e non bevi litri di caffè, con cosa ti sollazzi? Risposta: con cocktail famosi quanto le Star del cinema, tanto che anche Fredo Corleone lo ordina ne “Il Padrino – Parte II”.

cocktail-tom-cruise

Bene, inoltre è d’obbligo ricordare un film che si basa sulla vita di un barman acrobatico (con drammi annessi) che inventa cocktail per i locali trendy-alla moda di Manhattan, ossia “Cocktail” con Tom Cruise – non poteva essere altrimenti il titolo – . Da vedere indossando camicie Tiki e drink omonimo in mano. Attenzione: adatto solo se siete o molto giovani oppure molto “anta.

Ma ora basta, saltiamo su una bella decapottabile e una volta giunti al Casinò di Sanremo, male che vada, ordiniamo un Singapore Sling. Un nome, un perché: è uno dei cocktail più famosi al mondo ideato dal barman Ngiam Tong Boon nel lussuoso hotel Raffles di Singapore (ovviamente). Cocktail di una dolcezza infinita ma super creativo e originale per dei veri matti come voi. “Paura e Delirio a Las Vegas” docet. Aiuto. Pss, qui gli ingredienti per un perfetto sling.

Al contrario, se vi volete rilassare e siete dei veri intenditori, allora vi lasciamo in compagnia di un Bourbon con ghiaccio e brindate come Jack Torrance in Shining… calma, senza perdere la testa!

madmen_2936808b

Apro una breve parentesi su un’altra serie TV dove c’è una vera carrellata di cocktail dall’anima vintage – oltre che essere stata seguitissima per le ambientazioni e i look anni ’60 – ossia Mad Men”. Per dire: l’elegantissimo Roger Sterling non si fa mancare una coppa di Gibson – variante del Martini – che sorseggia con grande savoir affair. Senza dimenticare l’Old Fashioned che ordina spesso il socio Don Draper. Che stile, che classe, che tutto! Chapeau.

E qui, amici miei, un breve video per avere qualche nozione in merito:

.

the-tenenbaum-film

Detto ciò, per la gioia di tutti voi, vi rivelo quale è il mio drink prefe! Attenzione, attenzione: viva il Bloody Mary. Cocktail mooolto Hollywoodiano, speziato e piccantino, leggenda narra che il nome fu ispirato dall’attrice noir anni ’20 Mary Pickford e negli anni ’30 si aggiunse poi il tabasco, rendendolo apprezzato fino ai giorni nostri. Il Bloody Mary è servito ne “Il Club delle prime mogli” (adatto anche per il brunch) e ne “I Tenenbaum“, ma è anche la passione di Bridget Jones anche se per la vostra incolumità vi consiglio di non scolarvene quasi mille! Come il tipo della canzone Romantico a Milano dei BaustelleCome dire: si sente eh! Apparentemente leggero, ma non superficiale. Non male, non male.

.

tumblr_inline_mpbt1ocdzM1qz4rgp
Stoli Martini per tutti!

.

Per concludere vi lascio con una battuta detta dalla distinta Cate Blanchett in un disperato momento che solo noi  – sani bevitori – possiamo capire. Dal film “Blue Jasmine”:

“Con chi dovrei andare a letto per avere un vodka Martini?”