Il colore nascosto delle cose

In sala il nuovo intimo e profondo film “Il colore nascosto delle cose” di Silvio Soldini appena presentato a #Venezia74 – Fuori Concorso.

Con una magnifica Valeria Golino nei panni di Emma, un’osteopata non vedente che non ha mai lasciato che la sua vita precipitasse nel buio.

“Si vede bene solo con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”

Chi non conosce queste celeberrime e forse troppo inflazionate ma sempre importantissime parole che Antoine de Saint-Exupéry ha scritto ne “Il Piccolo Principe”. Un piccolo gioiello che tutti dovrebbero leggere e rileggere e che, se ci si credesse davvero oltre a citarlo in ogni dove, forse a volte le relazioni potrebbero essere veramente diverse.

Teo (Adriano Giannini) è un pubblicitario di successo, sempre connesso con i suo smartphone e tablet e per concludere anche un affascinante playboy. Un po’ superficiale certo ma anche lui ha avuto le sue difficoltà e i suoi dolori in passato e ognuno reagisce come può. E’ fidanzato con la bella Greta – interpretata da Anna Ferzetti (nota al pubblico per essere la “mamma imperfetta” della serie tv e web, che tra poco vedremo al cinema anche nell’atteso “Terapia di coppia per amanti”, trasposizione cinematografica del romanzo di successo di  Diego De Silva e moglie nella vita reale di Pierfrancesco Favino) – e vive una vita apparentemente felice.

Eppure sembra non essere più in grado di vedere il colore delle cose.

.

Una magnifica Valeria Golino interpreta Emma, una donna che ha saputo trasformare le sue fragilità e i suoi limiti in una forza d’animo speciale: ha perso la vista a sedici anni  ma nonostante questo non ha mai lasciato che la sua vita precipitasse nel buio. È diventata una apprezzata osteopata, è autonoma e  malgrado il suo handicap sembra vedere le cose meglio di chiunque altro. Ha appena divorziato dal marito e per questo si trova in un momento comunque molto delicato della sua vita, che però sta cercando di affrontare con la determinazione che l’ha sempre accompagnata e sostenuta, quando incontra per caso Teo.

Due mondi forse troppo lontani ma non per questo irraggiungibili. Tra attrazione e diffidenza, questa inaspettata conoscenza cambierà tutto per sempre. Perché a volte le cose che nascono per caso e in maniera imprevedibile possono essere sorprendenti. E le nostre emozioni sono la cosa più preziosa che abbiamo.

Silvio Soldini, tra gli autori più stimati del cinema italiano, racconta una storia d’amore passionale, con delicatezza e originalità, raccontando con il suo inconfondibile tocco profondo e pulito la sensibilità dei non vedenti, che aveva già affrontato nella docu-fiction del 2013 “Per altri occhi”, vincitrice del Nastro d’argento al miglior documentario.

Il colore nascosto delle cose ci ricorda che le cose più belle e inaspettate sono spesso invisibili agli occhi.

Il film è stato presentato giovedì 7 settembre fuori concorso alla 74ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e distribuito nella sale cinematografiche italiane dall’8 settembre 2017.

.

#Venezia74 #film #cinema #silviosoldini #valeriagolino #adrianogiannini #ilcolorenascostodellecose #filmdanonperdere #festival #cinemaitaliano