Piuma, la commedia di Roan Johnson

“Piuma” la commedia di Roan Johnson, secondo film italiano in Concorso per il Leone d’Oro alla 73ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, racconta di due diciottenni che diventano genitori. Con la colonna sonora di Francesca Michielin.

Roan Johnson, regista italo inglese noto per “Fino a qui tutto bene”, ossia il film più premiato al Festival del Cinema di Roma 2014, con due candidature anche ai Nastri d’Argento (una delle quali vinta da Silvia D’Amico come attrice protagonista emergente) porta a Venezia 73 una commedia giovane che ha suscitato pareri e opinioni contrastanti, da risate e applausi a fischi e feroci critiche:

“Piuma” è il suo terzo lungometraggio, nato dalla paura generazionale (Roan è del 1974) di avere un figlio, idea che sembrava <<essere non tanto l’inizio di una nuova vita, quanto la fine di una vecchia. Fine degli aperitivi, dei week-end passati sotto le lenzuola, dei viaggi senza meta e l’inizio di una serie di difficoltà materiali e responsabilità morali>> Ebbene la paura sembra almeno per il nostro regista pienamente superata, poiché nel frattempo è diventato padre felicissimo del piccolo Jacopo…

Ma come potrebbero vivere due diciottenni una situazione di questo tipo, magari del tutto inaspettata?

Ecco dunque l’elaborazione del conflitto personale attraverso la storia di Cate e Ferro, rispettivamente interpretati dai giovani volti di Luigi Fedele e Blu Yoshimi, attori emergenti scelti dopo aver fatto più di 1000 casting, affinché fossero i più giusti per essere spontanei e per trasmettere una speciale alchimia.

27510-piuma_5____antonello_montesi

Quando arrivano le difficoltà il Samurai se ne rallegra. Perché quando l’acqua sale la barca fa altrettanto… 

Questa è un po’ la sintesi della filosofia di Ferro, tra ribellismo giovanile, italico amore per il cazzeggio e massime orientali che snocciola nei momenti più improbabili. E proprio come un samurai prima della battaglia, Ferro aspetta l’arrivo dell’età adulta con rilassato fatalismo. Certo non aveva tutta questa fretta di diventare padre, ma anche se non ha capito molto della vita, ha capito che la cosa forse più importante in questo momento è che deve stare accanto a Cate, provando a fare meno sciocchezze possibili e continuare a surfare insieme su quel gran casino che è la vita. Per i genitori Ferro è un essere incomprensibile, per gli amici un leader col cuore dalla parte giusta.

Non c’è situazione che non riesca a rendere magica e divertente, con quel suo modo di dribblare le difficoltà e vedere sempre il bicchiere mezzo pieno. Se riuscisse anche a fare il serio quando serve, e imparasse finalmente a usare i contraccettivi, sarebbe il ragazzo perfetto. Ma perché sforzarsi se a Cate va già benissimo così com’è?

Cate ha diciott’anni come Ferro, ma è dovuta crescere più in fretta. Da un paio d’anni la madre è tornata in Romania per trovare un lavoro. Il padre l’ha sballottata da una casa all’altra senza riuscire a tenersi una donna per più di qualche anno. È normale che abbia fretta di farsi la sua vita. Pensava di andare all’università e di girare il mondo con Ferro, ma se il destino la vuole madre così presto, vorrà dire che l’università la inizierà con un po’ di ritardo, e che insieme allo zaino metterà in spalla anche un passeggino. Coraggiosa e leggera come solo a quell’età si può essere, Cate si lancia a occhi chiusi in questa avventura più grande di lei. Ma sono molte le cose che non aveva previsto e più va avanti, più sente la terra mancarle sotto i piedi. Anche Ferro ci mette del suo per mandarla in crisi ma se è vero che una paperella di plastica è in grado di solcare gli oceani, allora forse anche due ragazzi come loro possono fare i genitori di una Piuma che volerà sopra questo mondo incasinato.

27516-piuma_2____antonello_montesi

Per Ferro e Cate saranno i nove mesi più burrascosi delle loro vite… E poi comunque devono preparare la maturità insieme al Patema (il miglior amico di Ferro, interpretato da Brando Pacitto) e agli altri amici, il viaggio in Spagna e Marocco, vogliono pensare all’estate più lunga della loro vita, alla casa dove stare insieme, ai loro sogni di diciottenni. Insomma, di solito ci si mette trenta o quarant’anni per essere pronti a diventare genitori, Ferro e Cate hanno solo nove mesi. E un figlio non ti aspetta. Tu puoi essere pronto o meno ma lui arriverà. Ma se rimani leggero come una piuma e con il cuore dalla parte giusta, allora forse ce la puoi fare.

27512-piuma_4

<<Si parlerà di “Piuma” come di una commedia, ma credo sia una definizione un po’ stretta. Ha sicuramente alcuni tratti della nostra grande tradizione della commedia all’ italiana ma se ne stacca anche e forse più decisamente che con i miei due film precedenti. Uno sguardo incantato più che disincantato, uno stile di messa in scena che è quasi contrario alla grammatica usuale, una regia che parte sempre dalla storia (in fondo sono diventato prima uno sceneggiatore che un regista) ma che adesso credo abbia trovato una propria organicità e forza oltre il copione>>

(Roan Johnson)

Nel cast anche Franceschina Michielin, non nelle vesti di attrice ma di talentuosa cantautrice quale è: questo è stato di sicuro un anno cruciale per la giovane cantante e per la sua affermazione professionale, dopo il secondo posto a San Remo, il grande successo del suo pezzo e la partecipazione ad Eurovision Song Contest come rappresentante dell’Italia, eccola a Venezia73 conAlmeno Tu”, tratto dall’album di20are (Sony Music) certificato disco d’oro, il brano principale della colonna sonora di “Piuma”.

<<Succede che capita. La vita è un oceano blu, intenso e fragoroso che ti coglie alla sprovvista e cambia quando meno te lo aspetti. A volte ti senti come una paperella di gomma sola in mezzo al Pacifico e non sai bene dove andare – dichiara Francesca – Ho scritto “Almeno Tu” come una speranza, speranza di un sentimento nuovo e improvviso che scaldi l’anima e la riempia di forza, d’amore, un punto di partenza per crescere e crescere insieme, per imparare a galleggiare sopra gli ostacoli e i problemi che dall’alto sono solo le piccole luci di una città estiva e caotica>>

.

.

“PIUMA”
USCITA NELLE SALE: 20 ottobre 2016

.

PHOTO CREDITS © Antonello & Montesi